Guida cPanel

You are currently viewing Guida cPanel
  • Tempo di lettura:31 minuti di lettura
  • Autore dell'articolo:
  • Ultima modifica dell'articolo:Ottobre 8, 2021
  • Categoria dell'articolo:Guide
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

1. Tutorial cPanel – Le basi

1.1. Cos’è cPanel?

In parole povere, è un pannello di controllo in cui puoi gestire ogni elemento del tuo account di web hosting.

Le società di web hosting amano mettere a disposizione dei propri clienti cPanel per alcuni motivi chiave: è una dashboard semplice da usare, ben gestita con aggiornamenti regolari, miglioramenti e misure di sicurezza.

1.2. Cosa posso fare in cPanel?

Molto… cPanel è dove arriverai a:

Collegare i nomi di dominio al tuo hosting

Impostare le email per il tuo sito

Installare WordPress (o un altro sistema di gestione dei contenuti)

  • Esegui il backup del tuo sito web
  • Carica file sul tuo server
  • Controlla la tua larghezza di banda e altre statistiche di utilizzo
  • Modifica varie impostazioni di sicurezza
  • Installa app aggiuntive sul tuo server
  • Crea nuovi database/gestisci quelli esistenti
  • Imposta varie ottimizzazioni

E molto altro ancora: qui stiamo solo grattando la superficie. Non lasciarti intimidire, però. Sebbene cPanel ti offra un enorme volume di funzionalità e personalizzazioni di cui occuparti, non è necessario comprenderle tutte per gestire efficacemente il tuo sito web. Tratteremo tutto in questa guida.

1.3. Come accedo a cPanel?

Se è la prima volta che accedi, il tuo provider di hosting dovrebbe averti fornito il nome utente e la password necessari.

La maggior parte delle società di hosting ha collegamenti al tuo cPanel dopo aver effettuato l’accesso al tuo account di hosting.

Ad esempio, se stai ospitando il tuo sito con SiteGround, puoi accedere a cPanel dal tuo profilo utente nella scheda “I miei account”:

Se sei con Bluehost, il link che porta a cPanel è in realtà quello etichettato “Avanzato”:

Bluehost cpanel

Se non riesci a trovare un collegamento diretto nel pannello del tuo provider di hosting, puoi contattare l’assistenza e chiedere loro come accedere a cPanel, oppure puoi dare un’occhiata in giro e provare a indovinare l’indirizzo cPanel corretto. All’inizio sembra inverosimile, ma in realtà è molto fattibile. Ecco come:

Avvia il browser e inserisci l’indirizzo del tuo sito web seguito da :2082 (per http) o :2083 (per https). Per esempio:

https://www.TUODOMINIO.com:2082

O:

https://www.ILTUODOMINIO.com:2083

Ti verrà quindi chiesto di inserire il nome utente e la password di cPanel.

1.4. E se ho bisogno di più aiuto?

Questa guida spiega tutte le nozioni di base e fornisce istruzioni passo passo per affrontare alcune delle attività più comuni come la configurazione di siti Web, account di posta elettronica e nomi di dominio. Se hai bisogno di un po’ più di aiuto, cPanel ha alcuni tutorial video propri.

C’è anche molta documentazione disponibile su ogni pagina all’interno di cPanel stesso, solitamente elencata nella parte superiore. Per esempio:

cpanel docs

2. Una rapida introduzione all’interfaccia cPanel

Una volta effettuato l’accesso, dovresti vedere una schermata simile a questa:cPanel Tutorial - dashboard

Questa è la versione di cPanel che utilizza un tema chiamato “Lanterna di carta”.

2.1. La mia interfaccia cPanel sembra diversa! Ora cosa?

Innanzitutto, niente panico.

Per cambiare lo stile del tuo cPanel, trova la sezione “PREFERENZE” (di solito è vicino alla parte inferiore) e fai clic su “Cambia stile”:change style

Avrai alcune scelte in base a ciò che il tuo host rende disponibile. Nel nostro caso, la selezione comprende gli stili Basic, Dark, Light e Retro.

Per lavorare sullo stesso tema su cui stiamo lavorando, scegli “Base” facendo clic sul pulsante “Applica” nell’angolo in alto a destra accanto allo stile. cPanel si ricaricherà con il nuovo stile applicato.

2.2. Spostarsi nell’interfaccia cPanel

Muoversi nell’interfaccia cPanel consiste in molte opzioni.

Cominciamo prima con:

Barra di navigazione

Puoi trovare la barra di navigazione nell’angolo in alto a destra dello schermo. In esso, c’è un semplice campo di ricerca, un link alle tue preferenze utente, un campanello di notifica e il link di logout.

navigation bar

Il campo di ricerca ti consente di trovare le opzioni chiave all’interno di cPanel. In realtà, l’utilizzo del campo di ricerca è un modo molto più rapido per navigare in cPanel rispetto al tentativo di navigare e raggiungere manualmente una determinata opzione. Il campo di ricerca inizia a presentarti i risultati immediatamente mentre digiti.

Facendo clic sul collegamento delle preferenze dell’utente, è possibile modificare la password, la lingua, modificare le informazioni di contatto e ripristinare le impostazioni della pagina con un clic.

La campana delle notifiche è proprio quello che sembra: un luogo in cui puoi vedere gli aggiornamenti essenziali sulla configurazione dell’hosting o sul cPanel stesso. Di solito, cPanel utilizza le notifiche per informarti su notizie, aggiornamenti critici, problemi di sicurezza o altre informazioni indispensabili.

Il link di logout è abbastanza autoesplicativo: ricorda di usarlo ogni volta che hai finito di lavorare con cPanel.

Barra di ricerca

Un campo di ricerca aggiuntivo, oltre a quello nella barra di navigazione, è visibile nella parte superiore della pagina, proprio sotto la barra di navigazione.

Questo funziona in modo abbastanza simile, ma questa volta, invece di mostrarti i risultati all’interno di un menu a discesa, filtrerà la parte centrale di cPanel. Basta inserire ciò che stai cercando e cPanel lo scoverà per te.

cpanel search

barra laterale

Sul lato sinistro dello schermo, vedrai una barra laterale con un paio di icone: il numero esatto dipende da ciò che il tuo host ti mette a disposizione. Nel nostro caso, dall’alto verso il basso, stanno per Home, Statistics, Dashboard e User Management.

cPanel sidebar navigation

Home è la pagina principale di cPanel in cui è possibile accedere alla maggior parte delle funzioni.

Le statistiche mostrano una serie di numeri importanti: quanti account di posta elettronica, account FTP (file transfer protocol) e nomi di dominio di cui disponi, nonché quanta larghezza di banda e spazio su disco stai utilizzando.

La dashboard è una pagina di riferimento rapido in cui troverai collegamenti ad alcuni dei collegamenti più comunemente utilizzati, nonché un’occhiata a colpo d’occhio sulla larghezza di banda e sull’utilizzo dello spazio su disco, le statistiche della posta e altro ancora.

Gestione utenti è dove puoi aggiungere o rimuovere utenti dal tuo account cPanel. Puoi anche vedere quali account di posta elettronica hai configurato, nonché chi ha accesso al tuo FTP e al disco Web nel caso in cui condividi un account con altri utenti o amministratori.

2.3. Riorganizzazione della home page di cPanel

Puoi comprimere le sezioni facendo clic sul segno “-” nell’angolo in alto a destra di ciascuna sezione della home page per ridurla a icona.

cpanel reorg

Se lo desideri, puoi anche trascinare e rilasciare intere sezioni per riorganizzarle e mettere quelle più comunemente usate vicino alla parte superiore.

3. Aggiornare le tue preferenze

Quando accedi per la prima volta a cPanel, assicurati di visitare la sezione “PREFERENZE” per aggiornare le informazioni di contatto e modificare la password.preferences

Ecco come eseguire questa operazione passo dopo passo:

3.1. Cambiare la tua password

Ti consigliamo vivamente di cambiare la tua password non appena accedi a cPanel per la prima volta.

Fare clic su “Password e sicurezza”. Verrai indirizzato a questa schermata:password change

Dovrai inserire la tua vecchia password prima di sceglierne una nuova.

Quando si tratta di impostare una nuova password, puoi sfruttare il generatore di password o inventare qualcosa da solo. L’utilizzo del generatore di password è probabilmente la strada giusta da percorrere, in quanto ti darà una password forte e sicura. Basta fare clic sul pulsante e lasciare che il generatore si occupi del resto:

password generator

Il modo migliore per salvare quella password è utilizzare un gestore di password (come LastPass – gratuito). In questo modo, non devi memorizzare la password. Qualunque cosa tu faccia, non salvare la tua password in un file Word o qualcosa di simile sul tuo computer, dove potrebbe essere facilmente scoperta.

3.2. Aggiornamento delle informazioni di contatto

Una delle cose più importanti che devi fare in cPanel è fornire un’e-mail in cui puoi ricevere gli aggiornamenti quando necessario.

Perché questo passo è cruciale:

  • Senza un’email funzionante impostata in questa sezione, il cPanel non sarà in grado di comunicare con te se dovesse succedere qualcosa di significativo con la tua configurazione.
  • Devi anche impostare un indirizzo email che non sia collegato a nessun nome di dominio che stai ospitando in questo cPanel; altrimenti, nel caso succeda qualcosa con la tua configurazione, anche quel dominio potrebbe essere compromesso, rendendo impossibile qualsiasi tentativo di comunicare con te.

Per arrivare a queste impostazioni, clicca su “Contact Information” per raggiungere la seguente schermata:

contact information

Ti consigliamo di selezionare tutte le caselle in “Preferenze di contatto”, poiché sono tutti aggiornamenti che potrebbero avvisarti di attività sospette (ad es. qualcun altro che cambia la password) o di un problema di hosting (ad es. spazio su disco in esaurimento).

3.3. Aggiungere un nuovo utente

Supponiamo che tu voglia lavorare con qualcuno che ti aiuti a gestire i tuoi siti Web o che tu abbia un partner commerciale fidato che ha bisogno anche dell’accesso alla configurazione dell’hosting. Quella persona richiederà il proprio profilo utente in cPanel.

Per farlo, fai clic sull’icona “Gestione utenti” che si trova nella stessa sezione “PREFERENZE”.

user manager

Verrai indirizzato alla seguente schermata:

In quella sezione, puoi vedere tutti gli account attualmente impostati nel tuo cPanel. Ci sono tre icone accanto a ciascun account (puoi vederle nello screenshot qui sopra):

L’icona della busta indica se la persona ha un account e-mail configurato nel sistema – se l’icona è colorata significa che è stato impostato un account e-mail; se è in grigio, allora non c’è nessuno
L’icona del camion indica se la persona ha un account FTP – di nuovo, colorato per sì e in grigio per no
L’icona del disco indica se l’utente può utilizzare i servizi disco Web che fanno parte di cPanel
Puoi facilmente modificare qualsiasi utente lì, cambiare la sua password o eliminarlo con le opzioni elencate sotto il nome dell’account.

Per aggiungere un nuovo utente, fai clic sul pulsante “Aggiungi utente” nell’angolo in alto a destra:

Verrai quindi indirizzato alla seguente schermata:

Aggiungerai il nome completo dell’utente, il nome utente, il dominio a cui deve essere associato il nuovo utente e, se lo desideri, un’email alternativa a cui l’utente può essere raggiunto. Ti verrà anche chiesto di creare una password per l’utente.

Appena sotto questi campi, troverai una sezione chiamata “Servizi” in cui puoi occuparti di una manciata di impostazioni chiave. È interessante notare che corrispondono alle tre icone che abbiamo descritto solo un paio di paragrafi sopra:

  • L’e-mail ti consente di abilitare/disabilitare gli account e-mail per il nuovo utente e anche di impostare un limite per lo spazio che ogni account può avere.
  • FTP ti consente di abilitare/disabilitare gli account dall’accesso alla configurazione dell’hosting tramite FTP. FTP può essere utilizzato per caricare file sul tuo sito web. Puoi scegliere a quale directory avrà accesso il nuovo utente e limitare lo spazio che può utilizzare.
  • Le autorizzazioni del Web Disk devono essere riservate solo ai tuoi account amministratore di primo livello. L’accesso al livello “Lettura-Scrittura” offre all’utente i permessi completi per fare praticamente tutto ciò che desidera all’interno della directory specificata (inclusa l’eliminazione di file)! “Sola lettura” consente solo la lettura, il download e l’elenco dei file.

Quando hai finito con queste impostazioni, fai clic su “Crea” o “Crea e aggiungi un altro utente” nella parte inferiore della pagina delle impostazioni.

4. Gestione dei nomi di dominio

La sezione “DOMINI” di cPanel è il tuo punto di riferimento quando desideri aggiungere un nuovo nome di dominio (quello che hai appena acquistato) al tuo account di hosting, gestire i tuoi domini esistenti e configurare i sottodomini.

4.1. Aggiunta di un nuovo nome di dominio

Per aggiungere un nome di dominio al tuo cPanel (e quindi al tuo pacchetto di hosting), dovrai fare clic su “Domini aggiuntivi” nella sezione “DOMINI” mostrata sopra.

Un dominio aggiuntivo è un nome di fantasia per un nome di dominio standard che puoi utilizzare per creare un sito Web completamente funzionale, il che significa che puoi ospitare più nomi di dominio dallo stesso pannello di controllo.

Nella schermata “Addon Domains”, ti verrà chiesto di inserire il tuo nuovo nome di dominio più un paio di altri parametri:

  • Nuovo nome di dominio-il nome di dominio esatto che hai registrato, meno il www. parte.
  • Sottodominio – Questo verrà compilato automaticamente non appena inserisci il tuo nuovo nome di dominio nel campo sopra. È meglio lasciarlo intatto. cPanel lo utilizza per alcuni routing interni che non hanno molta rilevanza dal punto di vista dell’utente.
  • Document Root – La posizione sul server in cui saranno i file del tuo nuovo dominio. Anche questo viene compilato automaticamente. È meglio attenersi a queste impostazioni consigliate.

Fare clic su “Aggiungi dominio” per terminare.

4.2. Modifica/rimozione di un nome di dominio

Nella stessa schermata “Domini aggiuntivi”, c’è una sezione chiamata “Modifica dominio aggiuntivo” in cui puoi occuparti di tutti i domini attualmente assegnati al tuo account, inclusi gestirli, impostare reindirizzamenti o rimuovere completamente i domini.

L’utilizzo qui è semplice. Sulla destra sono presenti i collegamenti per la rimozione e la gestione dei reindirizzamenti. Facendo clic su uno di essi ti verrà mostrato un altro pannello delle impostazioni in cui puoi confermare l’eliminazione o inserire la destinazione a cui desideri reindirizzare il dominio.

4.3. Gestione dei sottodomini

Ogni volta che aggiungi un nuovo dominio al tuo account (di cui sopra), cPanel creerà anche un sottodominio corrispondente da affiancare. Ecco come funziona di solito, sulla base di un esempio:

Diciamo che il nome del tuo account cPanel è john e l’host si chiama greathost.com. In tal caso, il dominio del tuo server primario sarà john.greathost.com. Una volta aggiunto un nuovo dominio aggiuntivo, ad esempio johnsworld.com, cPanel creerà anche un sottodominio chiamato johnsworld.john.greathost.com.

Ora, la sfortuna di una tale configurazione è che questo nuovo sottodominio spesso contiene una copia carbone del tuo normale sito Web disponibile su johnsworld.com. In altre parole, ottieni lo stesso sito web disponibile due volte, sotto due indirizzi: johnsworld.com e johnsworld.john.greathost.com.

Questo non è l’ideale da un punto di vista SEO. Per risolvere il problema, ciò che dovresti fare è reindirizzare quel nuovo sottodominio al tuo dominio standard. Per dirla in un altro modo, dopo averlo fatto, chiunque tenti di accedere a johnsworld.john.greathost.com verrà automaticamente reindirizzato a johnsworld.com.

Ecco come farlo:

Per prima cosa, clicca su “Sottodomini” dalla sezione “DOMINI”:

Verrai indirizzato a un pannello in cui puoi vedere tutti i tuoi attuali sottodomini che sono stati impostati.

In questa fase, la colonna “Reindirizzamento” è probabilmente vuota.

Per modificarlo, fai clic sul link “Gestisci reindirizzamento” accanto al sottodominio che desideri modificare. Nella schermata successiva, imposta il reindirizzamento inserendo il nome di dominio completo a cui desideri reindirizzare. Nel nostro esempio, questo è johnsworld.com. Fai clic su “Salva” quando hai finito.

Creazione di sottodomini personalizzati

I sottodomini non servono solo a causare piccoli inconvenienti, ma anche a consentirti di espandere determinate aree del tuo sito in modo creativo.

Ad esempio, se vuoi lanciare un nuovo blog come parte del tuo sito web, un buon approccio è farlo sotto un sottodominio. Ad esempio, se il tuo sito web principale è, di nuovo, su johnsworld.com, potresti considerare di lanciare un blog sotto blog.johnsworld.com.

In questo caso, il blog è solo un esempio. Hai piena libertà di scegliere qualsiasi sottodominio desideri.

Puoi creare un sottodominio personalizzato nella stessa schermata in cui ti sei occupato di gestire quelli esistenti. Basta compilare il modulo che è in alto.

  • Sottodominio– il nome del sottodominio che si desidera impostare. Sii breve e usa solo lettere, trattini e numeri.
    Dominio: il dominio padre per il nuovo sottodominio.
  • Document Root – La directory/cartella sul server in cui verranno conservati i file del nuovo sottodominio.
  • È una buona pratica inserire lì il tuo sottodominio completo. Esempio: blog.johnsworld.com.

Fare clic su “Crea” per finalizzare la configurazione del sottodominio.

5. Email Accounts and Settings

One of the great things about keeping your domain name with a cPanel-enabled web host is that you also get the possibility to create custom email accounts for that domain.

This all happens in the “EMAIL” section of cPanel.

Come puoi vedere, ci sono molti strumenti lì: dalla creazione di nuove e-mail, all’impostazione di inoltri, autorisponditori, alla cura dello spam e altro ancora.

5.1. Configurazione di un account e-mail

Naturalmente, questa è la prima cosa che vorrai fare. Per aggiungere un nuovo account e-mail al tuo dominio, fai clic su “Account e-mail” per essere indirizzato alla schermata seguente (assicurati di essere nella prima scheda – “Aggiungi account e-mail”):

Dall’alto verso il basso, ecco come configurare il tuo nuovo account:

  • In Email, inserisci l’indirizzo a cui desideri essere raggiunto, ad esempio ciao o il tuo nome
  • In Dominio, seleziona il nome di dominio corretto dal campo a discesa. Se non hai ancora aggiunto il tuo nome di dominio a cPanel, dovrai farlo prima.
  • In Password, crea una password e assicurati che sia sicura!
  • In Mailbox Quota, regola per assicurarti che la tua email possa funzionare correttamente. Ricorda: le email occupano spazio sul tuo server, quindi potresti non voler dare a tutti un accesso illimitato. Tuttavia, 1 GB (= 1024 MB) è un minimo ragionevole.
  • Clicca su “Crea Account”

Una volta che hai fatto tutto quanto sopra, noterai che l’e-mail che hai appena creato è stata aggiunta all’elenco degli account di posta elettronica esistenti nella scheda “Account di posta elettronica”:

Puoi gestire ogni elemento di quell’account in un secondo momento, inclusa la password, la quota e altri dettagli.

5.2. Usando la tua email

Ora che hai impostato un account di posta elettronica, come lo usi?

Hai due opzioni principali qui:

  • Configura l’e-mail in un client di posta, come Gmail, Apple Mail, Outlook, ecc.
  • Usa la webmail

Cominciamo dal primo:

Come configurare la tua email localmente

Questo passaggio inizia in modo un po’ controintuitivo, ma abbi pazienza. Quindi, per configurare effettivamente la tua posta in locale, devi prima fare clic sul collegamento “Accedi alla Webmail” visibile accanto al tuo indirizzo nella scheda “Account di posta elettronica”:

Questo ti porterà a un nuovo pannello. Una volta lì, scorri verso il basso fino alla sezione “Script di configurazione automatica del client di posta”. Vedrai qualcosa del genere:

C’è una serie di link utili, tutti con istruzioni o script di configurazione già pronti per alcuni dei client di posta elettronica più popolari. Se il tuo è nell’elenco, basta fare clic sul collegamento accanto ad esso e terminare la configurazione secondo i consigli forniti.

Se non riesci a vedere il tuo client o desideri configurare la tua email manualmente, sotto questa sezione ce n’è un’altra denominata “Impostazioni manuali client di posta”.

Troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno lì.

Accedere alla tua Webmail

A questo punto, accedere alla tua webmail è molto semplice. Fare clic sul collegamento “Accesso alla Webmail” visibile accanto al proprio indirizzo nella scheda “Account di posta elettronica”:

Una volta lì, fai clic su uno dei client webmail disponibili:

Verrai indirizzato immediatamente alla tua casella di posta elettronica.

In alternativa, puoi accedere alla tua webmail direttamente da un browser web. Basta navigare su https://ILTUODOMINIO.com/webmail e verrai accolto da questa schermata:

 

Inserisci l’indirizzo e-mail e la password e sei a posto.

5.3. Inoltrare la tua email a un altro indirizzo

Supponiamo che tu voglia che le tue e-mail arrivino a YOUREMAIL@YOURDOMAIN.com per essere inoltrate a un altro indirizzo che già possiedi, come YOUREMAIL@gmail.com.

Per prima cosa, clicca su “Spedizionieri” per arrivare a questa schermata:

Da qui, puoi creare un semplice inoltro di posta elettronica o un inoltro più serio per l’intero nome di dominio. Rimarremo con il primo qui.

Per inoltrare la tua email, fai clic sul pulsante “Aggiungi inoltro”. Vedrai questo:

Ecco cosa significano questi campi:

  • Indirizzo da inoltrare– qui, inserisci solo la parte utente dell’indirizzo email che desideri inoltrare. Ad esempio, se la tua email è john@domain.com la sua parte utente è john
  • Dominio– questa è la parte del dominio dell’indirizzo email che vuoi inoltrare. Ad esempio, se la tua email è john@domain.com, la parte relativa al dominio è domain.com
  • Destinazione– qui hai due opzioni. Tuttavia, per reindirizzare efficacemente la tua email a un altro indirizzo esistente, seleziona “Inoltra a indirizzo email”. Nel campo sottostante, inserisci l’indirizzo email completo a cui desideri reindirizzare i messaggi.

Fare clic su “Aggiungi inoltro” per impostare tutto.

5.4. Impostazione di un indirizzo predefinito

Gli indirizzi e-mail predefiniti sono un vantaggio interessante che ottieni ospitando tu stesso le tue caselle di posta, come fai con cPanel.

Fondamentalmente, hai la possibilità di catturare qualsiasi e-mail in arrivo inviata a un indirizzo e-mail non valido sotto il tuo nome di dominio.

Ciò significa in pratica che puoi utilizzare indirizzi e-mail inesistenti quando ti iscrivi a vari strumenti/servizi/profili online e continuare a ricevere tali e-mail senza problemi.

Ecco un esempio; supponiamo che tu abbia un solo indirizzo email configurato per il tuo nome di dominio, ed è john@johnsworld.com. Tuttavia, quando ti iscrivi a Netflix, non vuoi utilizzare quell’indirizzo poiché sei preoccupato che possa alla fine trapelare sul Web e essere raccolto dagli spambot. In tal caso, puoi semplicemente utilizzare qualcosa come netflix@johnsworld.com e continuare a farlo funzionare.

Ecco come impostarlo:

Fare clic su “Indirizzo predefinito” dalla sezione “EMAIL” nel cPanel:

Vedrai questo:

  • Seleziona il tuo nome di dominio dal menu a discesa.
  • Seleziona la casella “Inoltra a indirizzo email”.
  • Inserisci il tuo indirizzo email esistente nella casella sottostante.
  • Fare clic sul pulsante “Cambia”.

Sei pronto.

5.5. Configurazione dei filtri antispam

Tutti odiano lo spam, fortunatamente, con cPanel, puoi evitare che raggiunga la tua casella di posta.

Fare clic su “Filtri antispam” per visualizzare le opzioni disponibili:

A seconda delle impostazioni consentite dal tuo host web, potresti o non potresti essere in grado di fare molto in questa sezione. I filtri antispam sono spesso attivi per impostazione predefinita e non puoi disabilitarli (come nel mio caso). Tuttavia, puoi ancora ottimizzare il funzionamento dei filtri.

La prima impostazione da considerare è quella denominata “Elimina automaticamente nuovo spam”. Anche se all’inizio può sembrare una buona idea, in realtà è meglio lasciare quella.

Il problema qui è che puoi riscontrare molti falsi positivi con i filtri antispam: e-mail classificate erroneamente come spam. Pertanto, vuoi essere in grado di dare un’occhiata alla tua cartella spam ogni tanto e dare una rapida occhiata se qualcosa richiede la tua attenzione. Con l’eliminazione automatica attivata, non avrai questa possibilità.

Sotto “Configurazioni aggiuntive”, c’è un collegamento per mostrare più opzioni. Dopo aver fatto clic su di esso, vedrai questo:

Puoi sperimentare queste impostazioni per inserire manualmente nella whitelist o nella blacklist determinati indirizzi e-mail. Probabilmente è una buona idea inserire nella whitelist tutte le email della tua azienda o qualsiasi altro contatto cruciale della tua rete.

6. Gestire i tuoi file

La sezione “FILES” di cPanel è il punto di riferimento per caricare file, eseguire il backup del sito Web e gestire i file tramite FTP *.

FTP sta per File Transfer Protocol. Puoi utilizzare FTP per gestire i file associati al tuo sito Web, che si tratti di caricarli, leggerli o recuperarli. Tutto ciò di cui hai bisogno per usare FTP è un’applicazione client come FileZilla. In alternativa, cPanel ti fornisce anche strumenti per gestire i tuoi file senza uno strumento FTP. Lo tratteremo in seguito.

6.1. Utilizzo del File Manager

Il primo spazio che vorrai conoscere all’interno della sezione “FILES” è il “File Manager”.

Il “File Manager” ti consente di gestire tutti i file dei tuoi siti direttamente dall’interfaccia di cPanel anziché dover utilizzare uno strumento FTP di terze parti.

Fare clic sull’icona “File Manager” (visibile nella schermata sopra) per iniziare. Quello che vedrai è il pannello centrale del “File Manager”. Sarà simile a questo:

Qui è dove puoi prenderti cura di tutti i file sul tuo server, quindi ti consigliamo di procedere con estrema cautela quando apporti modifiche.

Ci sono un paio di cose veloci da sottolineare in questa schermata. Innanzitutto, a sinistra, troverai la tua cartella principale (principale) e alcune sottocartelle (puoi vederlo nello screenshot qui sopra).

Quindi, al centro dello schermo, vedrai il contenuto di qualunque cartella tu abbia selezionato.

Sapendo questo, ecco alcune cose che potresti voler fare:

Crea una nuova cartella

Per creare una nuova cartella, fai semplicemente clic sul pulsante “+ Cartella” insieme al menu in alto, come mostrato di seguito:

Ti verrà quindi chiesto di nominare la tua nuova cartella e inserire la destinazione in cui verrà creata la cartella.

Quando hai finito, fai clic su “Crea nuova cartella” e sei pronto.

Caricamento di un file utilizzando File Manager

Per aggiungere un file, ad esempio un file video di grandi dimensioni che vuoi che le persone possano scaricare o una foto a piena qualità che desideri utilizzare sul tuo sito, devi prima fare clic sulla cartella in cui desideri caricare il file su.

Quindi, fai clic sul pulsante “Carica” che si trova nel menu in alto:

Ti verrà chiesto di trascinare e rilasciare il file che desideri caricare o semplicemente di selezionare il file dall’unità locale:

Nota; Se il software del tuo sito web ti consente di caricare file dalla sua interfaccia utente, fallo invece di andare al File Manager in cPanel. Dal momento che utilizzerai comunque quei file sul tuo sito, è solo più semplice gestire le cose in questo modo: il software del tuo sito web “vedrà” il file immediatamente. Se carichi un file tramite File Manager o FTP, potrebbe non essere così. WordPress funziona molto bene con i file.

6.2. Accedi al tuo account FTP principale

A seconda di come il tuo host web ha configurato il tuo account cPanel, potresti essere in grado di accedere al tuo account FTP principale utilizzando lo stesso login e pass cPanel.

Per verificare se è così, fai clic su “Account FTP” dalla sezione “FILE”. Una volta lì, scorri verso il basso fino a “Account FTP speciali”. Il tuo account FTP principale dovrebbe essere lì.

Per impostazione predefinita, l’account FTP principale avrà accesso alla cartella principale.

6.3. Aggiungere un nuovo account FTP

La creazione di nuovi account FTP è una buona pratica quando si lavora con cPanel e si avviano nuovi progetti/siti web sulla configurazione dell’hosting.

Avere un account per progetto è un buon punto di partenza. L’idea è di dare a quei singoli account l’accesso solo alla cartella specifica a cui hanno bisogno di accedere, non all’intero server web.

Per creare nuovi account FTP, fare clic su “Account FTP” dalla sezione “FILE”. Vedrai questa schermata:

Ecco come compilare il modulo e creare un nuovo account:

  • Accedi – Questo è il nome utente del nuovo account.
  • Dominio– il nome di dominio a cui verrà assegnato il nuovo account utente. Scegli dal menu a discesa.
  • Directory– definisce il livello più alto di accesso alla directory del nuovo account FTP. Se lo lasci vuoto, l’utente avrà accesso alla root. È meglio inserire la directory associata al progetto a cui è destinato l’account.
  • Quota- lo spazio massimo che il nuovo utente può occupare. Miglior congedo a “Illimitato”.
    Dopo aver fatto clic su “Crea account FTP”, il nuovo utente verrà aggiunto.

Puoi gestire i tuoi account FTP esistenti nella stessa pagina, sotto il nuovo modulo utente:

7. Database

La maggior parte dei siti Web moderni non può esistere senza un database che funziona silenziosamente dietro le quinte e gestisce i dati del sito Web.

In altre parole, tutto il contenuto del tuo sito web, tutte le pagine, tutti i post e tutti i dati dell’utente sono conservati nel database.

Come ti aspetteresti ormai, cPanel ha un modulo piuttosto ampio che ti consente di creare e gestire database.

7.1. Creazione di un database

Se desideri configurare qualsiasi sito Web moderno utilizzando un CMS, dovrai prima creare un database per esso.

La sezione “DATABASE” di cPanel ha una manciata di opzioni disponibili:

Ancora più importante, cPanel ti consente di lavorare con database MySQL e PostgreSQL. Ai fini di questa guida, ci atterremo a MySQL, ma lavorare con PostgreSQL è quasi lo stesso.

Per creare un nuovo database, cliccare su “MySQL Database Wizard” nella sezione “DATABASES” (vedi sopra).

Una volta lì, puoi iniziare a configurare il tuo nuovo database.

Passaggio 1. Imposta un nome per il tuo database:

Passaggio 2. Creare un utente del database che verrà utilizzato per accedere al database (questo è necessario per poter lavorare con il database in un secondo momento):

Passaggio 3. Assegnare i privilegi richiesti a quel nuovo utente del database; è meglio selezionare l’opzione denominata “TUTTI I PRIVILEGI”, in questo modo:

Passaggio 4. Fatto.

A questo punto, il tuo nuovo database è stato impostato.

Per vederlo, torna alla pagina principale di cPanel e clicca su “Database MySQL”.

7.2. Gestire i database

Per vedere tutti i tuoi database, vai su “Database MySQL” dalla sezione “DATABASE” di cPanel.

Ciascun database può essere rinominato o eliminato tramite i collegamenti a destra.

Inoltre, puoi anche gestire gli utenti del tuo database lì, un po’ più in basso nella pagina.

8. Installazioni con un clic (WordPress e altri)

La prossima cosa che ti mostreremo in questo tutorial cPanel è come installare WordPress (e altre utili app server). Ciò accelererà il processo di installazione e funzionamento del tuo sito web.

Innanzitutto, individua la sezione “SOFTWARE” nel tuo cPanel, quindi fai clic su “Softaculous Apps Installer”:

Il nome di questo strumento è un po’ ingannevole in quanto non sono solo le app che puoi installare, ma anche i sistemi di gestione dei contenuti.

Vedrai una schermata come la seguente, piena di app che puoi installare con un comodo menu a sinistra:

Come puoi vedere, Softaculous ha tutte le app web immaginabili lì. Mentre dai un’occhiata alla barra laterale, ci sono programmi di installazione per blog, microblog, forum, wiki, e-commerce e molto altro.

Puoi prenderti il tuo tempo e guardarti intorno, vedere cosa è disponibile. Tuttavia, ai fini di questo tutorial cPanel, tratteremo come installare la piattaforma di siti Web più popolare e ampiamente utilizzata di tutte: WordPress.

8.1. Installazione di WordPress

Installare WordPress tramite Softaculous è semplicissimo. Vedrai il logo di WordPress come prima opzione nella parte centrale dello schermo. Posiziona il cursore del mouse su quell’icona e apparirà il pulsante “Installa”. Cliccaci sopra.

Vedrai una schermata come questa:

Fare clic sul pulsante blu “Installa ora” per iniziare. Softaculous ti mostrerà il seguente modulo:

 

Ecco cosa Softaculous deve compilare prima di poter eseguire un’installazione di WordPress.

La sezione “Installazione del software”:

  • Scegli la versione che vuoi installare. Si consiglia di scegliere sempre l’ultimo disponibile (il numero più alto).
  • Scegli Protocollo. Meglio scegliere https:// se è disponibile (questo ti consente di integrare il tuo sito con un certificato SSL). In caso contrario, anche https:// funzionerà.
  • Scegli Dominio. Questo è il nome di dominio che vuoi aggiungere a WordPress. Scegli dall’elenco a discesa.
  • Nella rubrica. Lascia questo campo vuoto se stai aggiungendo WordPress alla radice del tuo dominio, se vuoi che sia disponibile in TUODOMINIO.com. Se stai aggiungendo WordPress come blog a un sito già esistente, ti consigliamo di impostare la directory su qualcosa come blog o notizie.

La sezione “Impostazioni sito”:

  • Nome del sito. Inserisci un nome che rifletta il nome del tuo sito. Puoi cambiarlo in seguito dall’interno di WordPress stesso, quindi non devi dedicare troppo tempo a pensarci ora.
  • Descrizione del sito. Puoi lasciare questo vuoto per ora. Puoi regolare questa impostazione da WordPress in un secondo momento.
  • Abilita multisito. Lascia deselezionato. Questa è una funzionalità utile solo se hai intenzione di eseguire più di un’installazione di WordPress sullo stesso dominio, in una configurazione multisito. Roba abbastanza avanzata.

La sezione “Account amministratore”:

  • Nome utente amministratore. Questo è molto importante! È perfettamente corretto lasciare il nome dell’amministratore come amministratore, anche se potresti volerlo cambiare in qualcosa di più complesso. Sarai molto più sicuro con un nome utente come my-dog-likes-coccole. Come mai? È solo eccezionalmente più difficile da indovinare, rendendo quindi più difficile per un hacker entrare nel tuo sito.
  • Password dell’amministratore. Assicurati di utilizzare una password molto forte composta da lettere, numeri, caratteri e maiuscole. Il programma di installazione ti suggerirà una password sicura. Potresti anche andare con quello, ma ricorda di salvarlo in un gestore di password come LastPass. In questo modo non devi memorizzarlo.
  • E-mail amministratore. Ricontrolla se questo è corretto.

La sezione “Scegli la lingua”:

Questo è abbastanza auto-esplicativo. Scegli la lingua che corrisponde al pubblico di destinazione del tuo futuro sito web. Ad esempio, se ti trovi negli Stati Uniti e desideri rivolgerti a un pubblico di lingua spagnola, seleziona la lingua di WordPress come spagnolo.

La sezione “Seleziona plug-in”:

Questo è facoltativo. Se lo desideri, puoi installare alcuni pratici plugin direttamente da Softaculous. Non ci addentreremo in questo per ora. Puoi installare i plugin in seguito molto facilmente.

La sezione “Opzioni avanzate”:

Non c’è bisogno di preoccuparsi di nessuna delle opzioni avanzate per ora.

La sezione “Seleziona tema”:

A seconda della configurazione di Softaculous del tuo host, potresti anche vedere l’opzione per scegliere un tema WordPress da installare sul tuo sito subito.

Non devi preoccuparti di questo ora. La scelta di un tema è un passaggio importante ed è in realtà più facile da fare in seguito, una volta che il tuo WordPress è stato completamente installato. La selezione di temi che Softaculous ti mostra è limitata.

Sentiti libero di ignorare quella sezione per ora.

Dopo aver esaminato tutte queste opzioni, fai clic su “Installa” per completare l’installazione.

Dopo circa un minuto, Softaculous ti farà sapere che il tuo WordPress è stato installato con successo. Vedrai anche collegamenti diretti che puoi utilizzare per accedere a quella nuova nuova installazione.

Di solito, puoi accedere alla tua installazione di WordPress andando su YOURDOMAIN.com/wp-admin/.

9. Backup del tuo sito web

Se hai mai avuto un telefono o un computer morto su di te, sai quanto può essere devastante se non hai eseguito il backup dei tuoi dati.

Ora immagina che accada lo stesso al tuo sito web. Questo è forse anche peggio poiché è molto probabile che il tuo sito web sia il tuo business.

Fortunatamente, cPanel rende incredibilmente facile evitare che questa tragedia si verifichi dandoti la possibilità di eseguire il backup del tuo sito manualmente, ogni volta che lo desideri.

Nota; Alcuni host web WordPress gestiranno automaticamente i backup per te. Verifica con il tuo provider di hosting per essere sicuro. Tuttavia, imparare a eseguire il backup manualmente può rivelarsi un’abilità preziosa in futuro.

Per avviare un backup, fai clic sull’icona “Backup Wizard” che si trova nella sezione “FILES” di cPanel.

Vedrai questa schermata:

Fare clic sul pulsante “Backup” per avviare il processo di backup. Ti verrà mostrata una schermata in cui hai la possibilità di scegliere se desideri un backup completo (tutti i file e le configurazioni sui tuoi siti Web) o backup parziali (home directory, database MySQL, inoltri e filtri di posta elettronica).

Per semplificare, esegui il backup dell’intero account e salvalo su un disco rigido esterno o in un’altra posizione sicura.

Una volta completato il backup, sarai in grado di scaricarlo.

9.1. Controlla il tuo spazio su disco

Alcune configurazioni di hosting sono dotate di spazio su disco illimitato, mentre altre mettono un limite da qualche parte. Puoi controllare quanto spazio stai utilizzando tramite cPanel.

Nota; È importante controllare periodicamente lo spazio su disco per vedere quali parti del tuo sito Web occupano più spazio, in modo da sapere dove comprimere o eliminare i file non necessari se lo spazio è esaurito.

Per avere una panoramica generale del tuo utilizzo, dai un’occhiata alla barra laterale destra di cPanel. Vedrai varie informazioni su quanto spazio su disco stai consumando, quanti database hai impostato in totale e altro ancora.

Per ottenere uno sguardo più approfondito, fare clic sull’icona “Utilizzo disco” dalla sezione “FILE”.

Quello che vedrai è un bel riassunto di quanto spazio occupano le tue diverse cartelle.

Puoi anche vedere la tua quota o limite nella parte inferiore della prima tabella: in questo caso, la quota nell’immagine sopra è 10.240 MB (o 10 GB).

È importante notare che solo perché una barra blu è piena non significa che hai esaurito tutto il tuo spazio: tutte le cifre presentate sono relative alla directory più grande.

10. Controllare le tue statistiche

L’ultima cosa che vale la pena dare un’occhiata mentre attraversi cPanel è la sezione denominata “METRICS”.

Lì puoi trovare molti dettagli interessanti, che ti informano sullo stato attuale del tuo server, sul numero di visite che ricevi e sullo stato generale della configurazione.

Ognuna di queste sezioni delle statistiche presenta una visione leggermente diversa dei tuoi numeri:

  • Visitatori, Raw Access, Awstats, Webalizer si concentrano tutti sul numero di visitatori che i tuoi siti Web hanno ricevuto. La presentazione varia tra ciascuna di queste sottosezioni.
  • Gli errori presentano le voci più recenti nei log degli errori del tuo sito web.
  • La larghezza di banda ti consente di vedere l’utilizzo della larghezza di banda della tua configurazione di hosting.
  • Webalizer FTP mostra i dati su tutte le visite tramite il protocollo FTP.
  • CPU e utilizzo simultaneo della connessione mostra il volume delle risorse della macchina consumate dalla configurazione dell’hosting.

Per riassumere il nostro tutorial cPanel

Questo è tutto! Se hai seguito i passaggi scritti in questo tutorial, ora dovresti aver acquisito una prospettiva completa su cosa sia cPanel e su come utilizzarlo durante la configurazione del tuo ambiente di hosting.

Dato che il tuo sito web probabilmente è ormai pienamente operativo, non ti resta che personalizzarlo un po’ – con temi e plugin – e poi iniziare a creare contenuti per catturare il tuo pubblico!

Lascia un commento